In questa pagina sono raccolte e aggiornate le principali informazioni riguardanti le scelte organizzative adottate per l’avvio dell’anno scolastico 2020/21. Invitiamo tutti a consultarla periodicamente.

Principali documenti di riferimento

Protocollo scolastico delle misure per l’emergenza Covid-19

Regolamento interno COVID-19 – Rientriamo a scuola (area tematica del sito ministeriale)

Protocollo di sicurezza Ministero dell’Istruzione – Linee guida ripartenza scuola dell’infanzia –  Rapporto ISS COVID-19 – Verbale CTS n. 104 – Chiarimenti del Ministero dell’Istruzione sulle lezioni di canto, musica, danza

Regole fondamentali

Per il personale scolastico, per gli alunni, per le famiglie e per chiunque acceda ai locali dell’Istituto è essenziale rispettare alcune regole contenute nel Protocollo nazionale siglato il 6 agosto 2020:

  • è obbligatorio rimanere al proprio domicilio in presenza di temperatura oltre i 37.5° o altri sintomi simil-influenzali e chiamare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria;
  • è vietato fare ingresso o permanere nei locali scolastici laddove, anche successivamente all’ingresso, sussistano le condizioni di pericolo (sintomi simil-influenzali, temperatura oltre 37.5°, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti, etc.) stabilite dalle Autorità sanitarie competenti;
  • è obbligatorio rispettare tutte le disposizioni delle Autorità e del Dirigente scolastico (in particolare, mantenere il distanziamento fisico di un metro, osservare le regole di igiene delle mani e tenere comportamenti corretti sul piano dell’igiene);
  • è obbligatorio per ciascun lavoratore informare tempestivamente il Dirigente scolastico o un suo delegato della presenza di qualsiasi sintomo influenzale durante l’espletamento della propria prestazione lavorativa o della presenza di sintomi negli studenti presenti all’interno dell’istituto.

Misure di sicurezza

Per limitare il più possibile il rischio di diffusione del contagio è necessario adottare alcune soluzioni organizzative e specifici comportamenti individuali, come:

  • limitare al massimo l’accesso ai locali da parte di persone esterne (compresi i familiari degli studenti), privilegiando l’utilizzo delle comunicazioni a distanza per le pratiche amministrative e per le attività che lo consentono; indispensabile, in ogni caso, prendere accordi telefonici prima di recarsi a scuola;
  • in caso di accesso da parte di persone esterne, esse dovranno indossare correttamente la mascherina per l’intera durata della permanenza nei locali scolastici;
  • contingentare l’accesso agli spazi comuni, che andranno occupati solo per il tempo strettamente necessario, evitando assembramenti.

Mascherine

Come chiarito nel verbale del CTS n° 104 le mascherine sono obbligatorie nella scuola primaria e secondaria, ma il loro utilizzo non è continuativo per l’intero orario scolastico. Devono essere indossate durante gli spostamenti e in tutte le situazioni nelle quali non è possibile garantire il distanziamento di almeno 1 metro, oppure nei casi in cui è più alta l’aerosolizzazione. Sono possibili eccezioni per casi particolari, adeguatamente documentati. Per le attività motorie, canore, con strumenti a fiato e simili, si preferiscono ambienti aperti o comunque si garantisce un distanziamento almeno raddoppiato. Sempre nella scuola primaria e secondaria obbligatorio indossare una propria mascherina entrando a scuola. Una volta all’interno a ciascuno studente viene fornita giornalmente una mascherina chirurgica.

AGGIORNAMENTO – Il Decreto-legge 7 ottobre 2020, n. 125 ha esteso l’obbligo della mascherina all’aperto e nei luoghi pubblici al chiuso. Una successiva nota ministeriale ha chiarito che resta valido quanto stabilito dai protocolli specifici per il settore scolastico. Nulla è cambiato, quindi, rispetto alle disposizioni già impartite per l’avvio dell’anno scolastico.

In caso di sintomi

Se una persona manifesta sintomi compatibili con il COVID-19 mentre si trova all’interno dei locali scolastici deve essere:

  • dotata di mascherina chirurgica (se ne utilizza una di tipo differente);
  • ospitata in in una stanza dedicata o in un’area di isolamento;
    • fatta rientrare al più presto al proprio domicilio.

È obbligo dell’interessato (o del genitore se si tratta di un alunno) contattare immediatamente il proprio medico e seguirne le indicazioni. In caso di positività al Coronavirus l’autorità sanitaria attiverà i protocolli di sicurezza, coordinandosi con la scuola.

Orari e modalità di ingresso e uscita

Sono confermati gli orari abituali di ingresso e uscita di tutti i plessi scolastici, ad eccezione della scuola primaria “Arcobaleno” di S: Biagio, per la quale è previsto uno spostamento di 15 minuti: ingresso ore 7.45 – uscita ore 12.45 (15.45 per il tempo pieno).

I percorsi da seguire sono stati differenziati, per limitare il più possibile l’affollamento.

Ulteriori dettagli nelle due comunicazioni:

Com. 18 – modalità di ingresso e uscita :: Com. 17: orari ingresso e uscita scuola primaria e secondaria

Al mattino gli alunni devono accedere ai locali scolastici indossando una mascherina. In ogni aula è disponibile un erogatore di gel disinfettante, da utilizzare per igienizzare le mani prima di prendere posto al proprio banco. Una volta seduti, se correttamente distanziati, gli alunni possono togliere la mascherina con cui sono entrati e riporla. In seguito, per alzarsi e in tutte le situazioni che lo richiedono, gli alunni indossano la mascherina chirurgica fornita dalla scuola.

Seconda lingua e tempi scuola

Nella scuola secondaria di I grado sono confermati i gruppi di studenti che in alcuni casi vengono formati con alunni provenienti da due diverse classi durante le lezioni di seconda lingua comunitaria. Confermata inoltre la possibilità di optare per il tempo scuola su cinque giorni con due rientri pomeridiani, oppure su sei giorni. Anche in questo caso gli alunni provenienti da due classi parallele saranno aggregati in gruppi in base alle scelte effettuate.

Pre-scuola e post-scuola

È confermata la possibilità di offrire un anticipo-positicipo di pochi minuti rispetto all’orario di inizio e termine delle lezioni. La domande saranno accolte in ordine cronologico, fino al raggiungimento del numero massimo di alunni fissato in ogni plesso, tenendo conto del personale in servizio e degli spazi disponibili.

Aule

Sono state ampliate alcune aule, che potranno accogliere in condizioni di sicurezza gli studenti garantendo anche gli spazi necessari per realizzare una didattica di qualità. Non è previsto l’utilizzo di locali esterni ai plessi scolastici.

Mensa

Nella maggior parte dei plessi scolastici gli alunni consumeranno i pasti nelle proprie aule, non in refettorio. Il servizio sarà comunque garantito, nel rispetto degli standard di sicurezza e qualità.

Utilizzo dei materiali didattici

Per svolgere correttamente le attività didattiche è necessaria una grande varietà di materiali. I protocolli di sicurezza prevedono alcune precauzioni, ma non ne vietano l’utilizzo, anzi. Nel rispetto delle misure di sicurezza, curando l’igiene e la pulizia delle mani e degli strumenti stessi, sarà possibile utilizzare i dispositivi e i materiali necessari per la didattica. Ciò vale, ovviamente, anche per le classi e le sezioni a indirizzo Montessori. Si allega, a tale riguardo, una nota dell’Opera Nazionale Montessori.

Per la scuola dell’infanzia: in considerazione della necessità di ridurre i rischi di contagio è opportuno evitare di portare negli spazi delle attività oggetti o giochi da casa; se inevitabile devono essere puliti accuratamente all’ingresso.

Riammissione a scuola

Scuola dell’infanzia: in caso di assenza per malattia superiore a tre giorni è necessario il certificato medico. Scuola primaria e secondaria: per le normali assenze (anche per motivi di salute) non c’è obbligo di certificato medico.

Per tutti: se, dopo la comparsa di sintomi compatibili con COVID-19, il medico decide di far effettuare il tampone:

  • se l’esito è negativo il medico redige un’attestazione che l’alunno/operatore scolastico può rientrare scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico- terapeutico e di prevenzione per COVID-19;
  • se l’esito è positivo viene avviata la terapia; a guarigione avvenuta il medico predispone una “Attestazione di nulla osta all’ingresso o al rientro in comunità”.